ABORTO DIRITTO O ABORTO DELITTO?


La risposta non può essere solo una questione di coscienza

   

Se, per fare un’ipotesi, scopriste che ogni giorno in Italia vengono uccisi circa 400 bambini in tenera età, non avreste un moto di ribellione? Non scendereste in piazza a protestare? Ebbene quel dato è reale, ma nessuno si indigna e l’unica spiegazione è perché si pensa che quei bambini concepiti da pochissimi mesi non sono bambini ma oggetti. La questione aborto è tutta qui. Nonostante la scienza e il buon senso dimostrino che un sasso non diventa una pianta e una pianta non diventa un essere umano, le istituzioni lasciano al singolo cittadino la libertà di decidere in coscienza se quel bambino che cresce nel grembo materno è un piccolo essere umano da proteggere o una pianta da estirpare. E capire cosa dice davvero la nostra coscienza quando da una parte c’è un piccolo grillo e dall’altra un esercito di gatti e di volpi che ci suggeriscono una scorciatoia, diventa assai difficile. Non resta quindi che affidarsi alla propria intelligenza, informarsi, coltivare il dubbio su una questione così importante, per capire finalmente se c’è verità e giustizia dietro la scomparsa giornaliera di 400 mancati cittadini italiani.